WSOP 2019 – Jim Bechtel torna a trionfare, Dario Sammartino vola nell’evento H.O.R.S.E.

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LAS VEGAS (PKF News) – Continua la corsa per la caccia ai braccialetti delle WSOP 2019. John Gorsuch è il vincitore del Millionaire Maker, Jim Bechtel torna a trionfare nel No Limit 2-7 Lowball Draw. Altri titoli per Jorden Fox, Rami Boukai e Andrew Donabedian, mentre Dario Sammartino vola nell’evento HORSE.


Event #19 – Millionaire Maker – $1,500 No-Limit Hold’em

È John Gorsuch il vincitore del grande evento che ha messo di fronte ben 8.809 giocatori, con un montepremi complessivo che ha sfiorato i 12 milioni di dollari.

Il giocatore nativo di Woodbridge ha portato a casa il braccialetto e una prima moneta da 1.344.930 dollari dopo aver superato in heads up il giapponese Kazuki Ikeuchi. Terza posizione per Lokesh Garg.

Event #21 – $10,000 No-Limit 2-7 Lowball Draw

Sono passati ben 26 anni dall’ultimo trionfo di Jim Bechtel, ma l’esperto giocatore americano non ha dimenticato come si fa. Braccialetto numero 2 per il giocatore di Coolidge che trionfa in una delle varianti più intriganti.

Prima moneta da oltre 253mila dollari per Bechtel, che ha avuto la meglio in heads up su Vincent Musso. Terza posizione per Darren Elias, grandi delusi di questo Final Table Prahlad Friedman e soprattutto Jean-Robert Bellande.

Event #22 – $1,000 Double Stack No-Limit Hold’em

Braccialetto made in L.A. nell’evento Double Stack, che viene portato a casa da Jorden Fox. Il giocatore californiano si sblocca con il primo titolo WSOP in carriera.

Braccialetto al polso e oltre 420mila dollari in tasca per Fox, il quale ha superato in heads up Jayachandra Gangaiah. Terza posizione per Jeffrey Smith.

Event #23 – $1,500 Eight Game Mix

È Rami Boukai il vincitore dell’evento che racchiude le principali varianti. Per lui si tratta del secondo braccialetto, dieci anni dopo il primo trionfo in quel di Las Vegas.

Prima moneta da 177.294 dollari per Boukai, il quale ha avuto la meglio su John Evans nell’heads up conclusivo. Terza posizione per Chris Klodnicki.

Event #25 – $600 Pot-Limit Omaha Deepstack

Prima volta alle WSOP per Andrew Donabedian, che porta a casa l’evento Omaha in modalità Deepstack e piazza il suo primo grande risultato ai mondiali.

Per lui è arrivata anche una prima moneta da 205.605 dollari, dopo la vittoria nell’heads up decisivo ai danni di Todd Dreyer, mentre al terzo posto troviamo Robert Valden.

Troviamo un italiano in zona premi: si tratta di Giuseppe Maggisano, che ha chiuso al 92° posto con un premio da 1.613 dollari.

Event #26 – $2,620 No-Limit Hold’em Marathon

Agli archivi il Day 3 del lungo evento (non a caso ribattezzato Marathon) che ha visto l’iscrizione di 1.083 giocatori per un montepremi che supera i due milioni e mezzo di dollari.

Matt Russell comanda il chipcount con ancora 52 giocatori in corsa, tra l’altro tutti a premio. Seconda posizione per Peter Hong, mentre il regular francese dell’online Johan “Yoh.Viral” Guilbert è terzo.

Fiodor Martino tiene ancora in piedi le speranze azzurre, mentre abbiamo altri italiani eliminati ma comunque a premio: si tratta di Florian Bordet e Augusto Cavazzini.

Event #27 – $1,500 Seven-Card Stud Hi/Lo 8 or Better

Siamo pronti a vivere il tavolo finale dell’evento che ha visto la partecipazione di ben 460 giocatori, i quali hanno dato vita a un montepremi complessivo di 621mila dollari.

Tra i sei protagonisti del Final Table troviamo Michael Mizrachi: The Grinder è in testa al chipcount, a tentare di contrastarlo troviamo Michael Sopko, Robert Gray, Elias Hourani, Jan Stein e il boliviano Jose Paz-Gutierrez.

Event #28 – $1,000 No-Limit Hold’em

Final Table anche in questo evento, appartentemente low-cost ma capace di generare un montepremi di oltre 2 milioni e 229mila dollari, visti i 2.477 giocatori iscritti.

Stephen Song guida i sei protagonisti del tavolo finale, davanti a Sevak Mikaiel, Scot Masters, Ryan Laplante, il brasiliano Renato Kaneoya e l’austriaco Dominic Coombe.

Event #29 – $10,000 HORSE

Sono venti i giocatori che saranno protagonisti del Final Day di quest evento dedicato ai variantisti, e tra i 172 giocatori iscritti c’è un Dario Sammartino in forma smagliante.

Seconda posizione nel chipcount per il giocatore campano, che contende la leadership a Brian Hastings. Dunque bandierina assicurata per “MadGenius”, ma anche grande possibilità di condurre un gran torneo.

In corsa anche altri grandi giocatori come Phil Galfond, Anthony Zinno e Justin Bonomo.

dario madgenius sammartino wsop 2018 main event las vegas

Dario Sammartino

 

Event #30 – $1,000 Pot-Limit Omaha

Ben 1.526 i giocatori protagonisti di un nuovo evento per gli amanti del Pot Limit Omaha. 309 i superstiti dopo la fine del Day 1, con il bulgaro Stefan Ivanov davanti all’americano Luis Zedan e al francese Joseph Sabe.

Giuseppe Maggisano ci riprova e si qualifica per il Day 2, così come Michael Tabarelli.

Event #31 – $3,000 No-Limit Hold’em 6-Handed

Fine del Day 1 dell’evento 31, che ha visto la partecipazione di 754 giocatori, per un montepremi complessivo che ha di poco superato i 2 milioni di dollari.

Il canadese Griffin Benger guida la schiera dei 140 giocatori ancora in corsa per il braccialetto, mentre Upeshka De Silv e Michael Tureniec lo inseguono a distanza di sicurezza.

Il field d’eccezione prosegue con Manig Loeser presente in quinta posizione, mentre l’Italia affida le proprie chances a Gianluca Speranza e Andrea Dato.

Consulta il MEDAGLIERE AZZURRO alle WSOP 2019 per scoprire chi è stato l’italiano più bravo in quel di Las Vegas!

Share.

About Author

Leave A Reply